Un WeekEnd lungo alla Y-40

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on skype

29 e 30 Gennaio 2017, un week end a Montegrotto Terme trascorso con gli amici di BiellaApnea nella piscina più profonda al mondo, la Y-40!.

Dopo un breve briefing ai ragazzi per spiegare le regole della piscina, la distribuzione dei gruppi di lavoro sui vari cavi e la gestione in coppia dei tuffi, si inizia con una prima mezz’Y-40 - Sezione verticale del tubo a -40 metri ora di lavoro nella parte “bassa” della piscina. “Bassa” per modo di dire, stiamo parlando di profondità che oscillano tra i 5 e i 15 mentri, quote di lavoro comunque notevoli e non disponibili in tutte le normali strutture a disposizione. Dedichiamo questa prima parte del lavoro per provare e allenare la compensazione, fare qualche tuffo a braccia (free immersion) per riscaldarsi e abituarsi gradualmente alla profondità. E per chi era la prima volta si scopre l’assetto negativo dell’acqua della Y-40 e la facilità con cui si può sprofondare. 

Y-40 Infografica

Ci godiamo la comodità di fare apnea in acqua calda e con poca attrezzatura: costume,maschera, boccaglio e pinne. Qualche statica sul fondo sui 8-10 metri e dopo tutti sulla parte più profonda, nel tubo dei -40 metri per iniziare a sprofondare progressivamente sui 15-20-30 metri. Qualche ragazzo più esperto e capace va ancora più profondo.

Il tutto seguito dallo staff istruttori Apnea Academy delle rispettive due scuole che ha seguito tutti gli allievi durante tutti i tuffi.

Un bel weekend di apnea in cui i ragazzi si sono divertiti  in questo parco giochi e qualcuno si è portato a casa qualche bel risultato non sperato e spunti su cui lavorare ulteriormente.  I ragazzi del corso Open in particolare, ancora agli esordi dell’apnea, hanno notevolemente migliorato sia la tecnica di compensazione, sbloccandola del tutto in alcuni casi, sia la quota operativa. Ottimo lavoro!

E’ sempre un grossa gratitudine vedere le facce soddisfatte e contente degli allievi dopo queste uscite, segno che il nostro modo di divulgare l’apnea funziona.

Alla prossima uscita.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *